ferrara
cronaca

Ferraresi a sorpresa su un sito hard: «Grave danno per le ragazze»

I ritratti di Bertazza finiti in un forum porno, l’autore: inquietante rete di scambio. Una delle vittime: volevo denunciare ma mi hanno detto che erano già pubbliche


30 novembre 2020 Samuele Govoni


FERRARA. “Scambio foto di ragazze ferraresi”, “Ragazze nude di Ferrara” o ancora “Scambio ferraresi”, sono solo alcuni dei messaggi che compaiono sul forum di un sito pornografico con una sezione relativa alla provincia di Ferrara. A portare alla luce il fenomeno è Paolo Bertazza, fotografo e videomaker ferrarese che da anni si occupa di ritratti di nudo femminile. «Un giorno - dice - mi ha telefonato una delle ragazze che collaborano con me, mi ha chiesto se sapevo qualcosa di questo sito e se sapevo che c’erano nostre foto sparse su quel forum; ovviamente sono caduto dalle nuvole».

Il forum che si concentra sulla raccolta e lo scambio di materiale fotografico di giovani ferraresi è aperto in maniera più o meno continuativa ormai da anni. A volte viene chiuso poi qualcuno lo riapre e tutto ricomincia. «Appena mi hanno informato sono andato a controllare e sì, c’erano delle mie foto; mi sono sentito malissimo. Quegli scatti si trovavano lì senza permesso; né io né le modelle avevamo dato il consenso a pubblicare certe immagini su un portale del genere e quindi – racconta Bertazza – ho immediatamente scritto all’amministratore».

E qui subentra l’altro problema, riuscire a reperire di chi sta dietro a queste chat. «Ovviamente tutti comunicano con nickname e profili fittizi ma dopo ripetuti messaggi e segnalazioni sono riuscito a farmi ascoltare; per ora le mie foto sono state rimosse. Ma il danno che questi personaggi fanno e il vuoto che creano attorno è profondo». Come ha spiegato il fotografo, infatti, alcuni di coloro che scambiano immagini e commenti nel forum, sono riusciti a risalire anche ai profili privati di ragazze che si sono trovate inconsapevolmente sul sito pornografico. «Ci sono foto di nudo ma ci sono anche foto estrapolate dai social o, peggio, scatti inviati privatamente a persone che, in teoria, avrebbero dovuto essere fidate e che invecehanno pensato di condividerle con altri». E continua: «Questo arreca un danno a me perché poi diventa più difficile lavorare ma, soprattutto, rischia di mettere in difficoltà ragazze che potrebbero trovarsi da un giorno all’altro additate o bullizzate. È inquietante».

Nei giorni scorsi uno degli utenti più attivi nel forum ha invitato i membri della chat a trasferirsi su una piattaforma più sicura, al riparo da occhi indiscreti o da chi, come Bertazza, chiede a gran voce di rimuovere gli scatti pubblicati illegalmente. Il nuovo gruppo è stato aperto su Telegram ed è anonimo e privato. Per essere ammessi ci vuole l’autorizzazione da parte dell’amministratore. Per entrare bisogna avere foto di ragazze ferraresi ed essere disposti a scambiarle. “Sappiate che se non avete materiale non entrate nel gruppo. E non intendo il materiale di un posto qualsiasi nel mondo ma – specifica il creatore della chat – solo ed esclusivamente di ragazze del bacino di Ferrara e provincia”. Le foto, purtroppo troppo spesso, finiscono poi per rimbalzare da una chat all’altra e arrivano sugli smartphone di decine e decine di persone. «Scatti intimi o di nudo artistico finiscono in canali che nulla hanno a che vedere con la sfera privata o la fotografia. Non si tratta di goliardate ma – continua Bertazza – di violenza nei confronti di queste ragazze che finiscono per sentirsi colpevoli di qualcosa che non hanno commesso».

Sara Noli ha 29 anni ed è una delle ferraresi finita suo malgrado sul forum pornografico. «Fare foto di nudo artistico è il mio lavoro, poso da diversi anni e non saranno certo questi con le loro chat a farmi smettere». Dopo aver visto le sue foto sul portale si è recata dalla polizia postale per fare denuncia ma non è stato possibile. «Mi hanno detto che, siccome le foto comparivano già sui social, si potevano considerare pubbliche e che quindi - spiega - non c’era stata una vera violazione della privacy». Nel frattempo Sara i profili li ha cancellati e aggiunge: «Per ora le mie foto sono state rimosse e spero che la storia finisca qua. Qualche settimana fa ho saputo di una ragazza, sempre ferrarese, che si è trovata in rete foto private; non rubate da un sito o estrapolate da un set, private. Questo per me è ancora più grave. Chi le ha messe in circolo sapeva di farle del male e a me le persone così - conclude - fanno ribrezzo». —


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.