ferrara
cronaca

Ferrara, la polizia locale e gli strali di Bertolasi: «Le frazioni sono dimenticate»

Il consigliere comunale Pd contesta le scelte del Comune. E incalza: la periferia è insicura, è lì che servono gli agenti


02 febbraio 2022 Marcello Pulidori


FERRARA. Il nuovo presidio della Polizia Locale che aprirà a maggio sotto la Torre dell’Orologio? Un doppione, perché il centro è già sufficientemente presidiato e controllato. Il vero problema? Le frazioni, che sono dimenticate. Davide Bertolasi, consigliere comunale del Pd, non ci pensa due volte. E contesta apertamente le scelte del Comune a guida leghista in fatto di sicurezza, e in particolare le recenti dichiarazioni del vicesindaco Nicola Lodi sul futuro prossimo venturo della Polizia Locale di Ferrara. Secondo Bertolasi, difatti, a essere sbagliato è l’obiettivo: non è il centro città ad avere bisogno di ulteriori unità operative di Polizia Locale, bensì le frazioni e, più in generale, tutta la periferia.

«Qualcuno non si rende conto – spiega Bertolasi – che le frazioni, soprattutto le più piccole e le più lontane dalla città, soffrono di una insicurezza perenne ed endemica. Il Comune ci porta l’auto con la buchetta per le richieste dei residenti ma in verità la narrazione si sostituisce alla realtà. Dicono una cosa e ne fanno un’altra – prosegue l’esponente dem – scordando che proprio le frazioni sono dimenticate da questa Giunta». E di seguito Bertolasi cita i luoghi che considera più a rischio criminalità: «Penso a Pontelagoscuro – dice – dove c’era un comando della Polizia Locale e non c’è più. Penso a zone come Porotto, cioè grandi frazioni, popolose, zone di transito per migliaia di automobilisti. E che fa il Comune? Concentra tutta l’attenzione sul solo centro storico, lasciando la periferia a se stessa. Non ci siamo».

Guardando agli ultimi fatti di cronaca le riflessioni paiono azzeccate: furti in serie negli appartamenti a Pontegradella, le paure che da sempre serpeggiano tra molti residenti a Pontelagoscuro. E, purtroppo, altri casi non mancano e l’elenco potrebbe essere lungo. «Dov’è finito il progetto dei vigili di quartiere? – si chiede Bertolasi – siamo punto e da capo: la narrazione che fa questa Giunta comunale non corrisponde alla realtà. Per questo sono, e siamo, molto preoccupati per chi vive in periferia».

Il consigliere comunale Pd annuncia anche, a breve, porterà questi temi all’attenzione dell’intero consiglio comunale: «Lo farò molto presto – annuncia Bertolasi – perché quando ho letto l’annuncio del vicesindaco Lodi sulla prossima apertura di un ufficio operativo della Polizia Locale sotto la Torre dell’Orologio in Corso Porta Reno, ho subito pensato che era necessario dire la nostra e anche ristabilire una certa verità». Bertolasi tiene infine a ribadire che «la Giunta comunale dovrebbe prestare più attenzione ai problemi delle frazioni che troppo spesso sono dimenticate perché il Comune presta più attenzione al centro storico. Per il resto, credo che un nuovo presidio in centro storico di certo non faccia male – conclude Bertolasi – ma qualcuno, per esempio il vicesindaco e assessore alla sicurezza, dovrebbe interrogarsi su cosa stanno vivendo le tante famiglie che vivono nelle frazioni che si trovano a pochi chilometri dalla città». Insomma, maggio è lontano. Ma la nuova unità operativa della Polizia Locale fa già discutere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.