ferrara
cronaca

«Si diserba in città con glifosato»: attacchi “verdi” a Ferrara Tua

Cartelli nelle vie del centro per avvertire dell’impiego del prodotto chimico previsto per domani. La Rete per la giustizia climatica: garanzie non rispettate, intervenga il Comune


09 giugno 2022 Stefano Ciervo


FERRARA. Ferrara Tua ha in programma un intervento diserbo chimico con glyfosate, in diverse vie del centro storico, per la giornata di domani (martedì). È quanto hanno appreso i residenti di via Mellone, via Formignana, via Brasavola e via Camposanto, tra le altre, da cartelli comparsi in queste strade nelle ultime ore, con l’avvertenza di «non sostare nell’area nella giornata». È scattato un campanello d’allarme: il glyfosate, o glifosato, è infatti un principio chimico vietato in aree abitate, e perfino nei campi per accelerare la maturazione delle piante. «È davvero incredibile che un prodotto pericoloso, da usare con particolare cautela in spazi aperti, venga scelto da Ferrara Tua per eliminare l’erba nelle strade strette del centro storico, caratterizzate da alta densità abitativa» è la denuncia della Rete per la giustizia climatica.

Durante i lavori del Tavolo verde per la redazione del nuovo contratto di servizio tra il Comune e Ferrara Tua, informano gli ambientalisti, «avevamo proposto di procedere al diserbo solo con mezzi meccanici manuali e bandire ogni fitofarmaco chimico, almeno fintanto non fossero in commercio sicuri prodotti biologici. Ci era stata illustrata dall’amministrazione la necessità, per la sostenibilità economica, di una fase di “transizione graduale” attraverso cui arrivare all’obiettivo, pur condiviso, di eliminare l’uso dei fitofarmaci nelle aree abitate e ci era stata nel contempo data l’assicurazione che nel centro storico il glifosato non era in uso». La rinuncia a questo diffusissimo, fino a pochi anni fa, principio attivo ha causato ad esempio problemi nella manutenzione dei cimiteri.

Gli ambientalisti erano comunque stati contenti di vedere nella scorsa primavera «un maggior impegno di squadre di operai dedite al diserbo meccanico manuale nella nostra città». La sorpresa di questi giorni è stata quindi ancor più amara, «crediamo che l’amministrazione comunale, in coerenza con il lavoro fatto al Tavolo verde, concorderà con noi sulla necessità di bloccare l’intervento di diserbo con glifosate previsto da Ferrara tua». Le alte temperature do questo febbraio anomalo hanno probabilmente accelerato le esigenze d’intervenire sulle infestanti.

Sul glifosate, sospetto di cancerogenità, c’è un braccio di ferro per il rinnovo all’utilizzo in Europa, con limitazioni, dopo l’autorizzazione che scade il 15 dicembre. A proposito del suo impiego nel centro cittadino si attende un chiarimento ufficiale da parte dell’azienda multiservizi: qualcosa non è andata come previsto nella pianificazione dell’intervento, a giudicare dal fatto che in zona ci sono tre tipi di avvisi diversi, e gli altri riferiscono dell’impiego di prodotti privi di glifosato. I l Credit 540, a base appunto di glyfosate, non sarebbe peraltro nella lista dei prodotti vietati almeno per alcuni tipi di diserbo in zone antropizzate.



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.