ferrara
cronaca

Un lupo avvistato in Valle Giralda. Forse è stato attirato dai daini

Un agricoltore lo ha fotografato dietro l’Abbazia di Pomposa 


21 marzo 2022 Piergiorgio Felletti


POMPOSA. Il lupo ha fatto ritorno in Valle Giralda a Pomposa? Dalle affermazioni di un operatore agricolo della zona ed alle foto scattate dallo stesso, pare di sì. Si tratta di un singolo esemplare, che è stato visto nei giorni scorsi girovagare lungo le capezzagne retrostanti l’Abbazia pomposiana ed in particolare lungo il tratta prospiciente via Starne.

A differenza del fantomatico l’alligatore di Caprile che qualche hanno fa occupò le cronache locali senza peraltro mai essere intravisto da alcuno, l’esemplare di lupo è realmente presente in questa parte di territorio comunale di Codigoro. E sarebbe una presenza plausibile in quanto nelle zone delle valli comacchiesi prosciugate del Mezzano e Pega, da tempo si è insediato un branco di lupi. E potrebbe essere verosimile che l’ampliamento del territorio di caccia dei tanti esemplari canini oramai insediati, possano occupare anche un’altra zona agricola dove insistono allevamenti e ampie aie, spesso aperte, prospicienti le abitazioni dei residenti molti dei quali agricoltori.

Oltre alla constatazione che l’attuale elevato numero di daini che sempre più spesso di possono incontrare nella pineta di Volano e nelle aree circostanti, possa costituire un’ottima preda per lupi affamati. In passato nella zona di Pomposa, esisteva il Bosco Spada, ricompreso fra la zona di Pomposa, la frazione codigorese di Caprile e la strada per il paese capoluogo ed era popolata da numerose specie di animali tra cui il lupo. Questa zona boschiva, di cui tuttora resta una macchia di verde antistante l’Abbazia, è il residuo dell’antico Bosco di Pomposa che fino all’epoca medievale, ricopriva buona parte dell’area compresa fra il Po di Goro e quello di Volano. Ed i residenti ed agricoltori di quella zona sono preoccupati in quanto non è chiaro se l’avvistamento sia stato episodico oppure sia l’anticipazione di un insediamento stabile di un branco. E la vigilanza, unita alla preoccupazione, sono aumentate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.