ferrara
cronaca

Arriva Ubik, libreria indipendente a Ferrara: trentamila titoli e un reparto a metà prezzo

L’apertura a metà aprile in via San Romano con almeno tre assunzioni. Operazione in franchising con Rusconi 


07 aprile 2022 Alessandra Mura


FERRARA. Gli scaffali bianchi si stanno colorando di copertine, gli spazi stanno prendendo gradualmente forma, tra poco arriverà anche l’insegna a ufficializzare il fermento che in questi giorni anima i locali ai civici 43-47 di via San Romano, dove fino a poco fa c’era un negozio di abbigliamento: a Ferrara approda Ubik, rete indipendente di librerie in franchising che conta un centinaio di negozi su tutto il territorio italiano. Una nuova avventura commerciale in pieno centro, a cui ha dato impulso il gruppo editoriale Rusconi, che si è associato a Ubik e che avrà all’interno uno spazio dedicato ai propri prodotti.

PROSSIMA APERTURA

L’apertura è prevista a metà aprile, in uno spazio di circa 200 metri quadrati e una proposta attorno ai 25-30mila titoli. Nelle ultime settimane, spiega Matteo Bacci, uno dei soci di Rusconi Libri, si sono tenute le selezioni per l’assunzione del personale. Vi lavoreranno tre-quattro dipendenti, tutti ferraresi e tutti sotto i trent’anni. Saranno loro a plasmare l’identità della nuova libreria, «noi seguiamo i servizi centrali, come l’amministrazione e la contabilità, ma loro si occuperanno del negozio in piena autonomia, perché ogni città va vissuta e conosciuta, e ciascun punto vendita è una realtà a sé».

PIANO UNICO

In ogni caso, la “filosofia” è ben definita: «Tutte le nostre librerie – prosegue Bacci – si trovano nel centro storico, e puntano alla massima accessibilità. La libreria si sviluppa su un unico piano, tutta visibile e con grandi vetrate». Insomma un invito a una sosta durante il passeggio, un commercio “slow” che offre ai clienti un’oasi di tranquillità, dove poter curiosare con tutta calma, e si rivolge sia ai “superlettori” «gli intenditori che trascorrono ore tra gli scaffali», sia a coloro che magari cercano un regalo, o un volume per bambini, e hanno bisogno di un consiglio rapido per un acquisto al volo.

Ma uno dei segmenti di punta sarà il reparto del metà prezzo, che nella prima fase avrà uno spazio più ridotto, destinato però ad ampliarsi. «La nostra divisione ha tre divisioni, editoria, libreria e, appunto il metà prezzo in collaborazione con Messaggerie Libri – va avanti Bacci – Siamo partiti con Rusconi che abbiamo acquisito a fine anni Novanta, poi abbiamo comprato anche Fanucci, specializzato nei classici fantasy e nella fantascienza. La nostra attività ora è concentrata sull’editoria di marchi storici, al momento ne contiamo una quindicina tra cui Polillo, Idea Libri, Edizioni Theoria, Pulce Edizioni che pubblica libri di qualità per ragazzi, o Diarkos specializzato in libri contemporanei. In Italia siamo presenti con 38 librerie, da piccole a grandissime, con i principali operatori del franchising. E poi c’è il metà prezzo, che comprende libri che hanno una storia particolare, come titoli fuori catalogo o fine serie, di tutti gli editori. Attraverso una trattativa portiamo questi libri all’interno della nostra divisione per metterli in vendita al 50 per cento. È un segmento rivolto a chi ha una cultura del libro più vasta, è interessato ad avere a casa il prodotto ma è attento alle spese – sottolinea Bacci – Le analisi di mercato compiute all’estero, ad esempio in Francia, rivelano che i clienti ritengono immancabile un reparto a metà prezzo in una libreria. Non ci sono titoli nuovi, ma come recita lo slogan, “ se non l’hai letto per te è una novità”. Da chi ha poco da spendere al grande lettore alla ricerca di prodotti non più trattati dalle librerie, il comparto a metà prezzo guarda alle esigenze di vasti segmenti di clientela».

SPAZIO AI LIBRI

Un altro alleato strategico è Fastbook, il servizio del gruppo Messaggerie che consentirà ai clienti di ottenere entro 48 ore un libro al momento non presente sugli scaffali. Scaffali che dedicheranno ogni centimetro quadrato ai libri: in via San Romano non si troveranno prodotti No Book, come giocattoli o cancelleria. «Proporremo giusto articoli di supporto alla lettura, come occhiali o luci da notte, e un po’ di cartotecnica – conclude Bacci – ma non eccediamo, perché non vogliamo togliere spazio ai libri».



© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.