ferrara
cronaca
N+
CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
L'inchiesta
Dietro i “caporali” le aziende agricole che usavano braccianti sfruttati

Daniele Predieri

A Campotto, Codigoro, Mesola e Volania le società coinvolte. Gli arrestati pakistani piazzavano lì gli operai a basso prezzo 

16 aprile 2022


PORTOMAGGIORE. Padre, madre, figlio, zio e amico di fiducia: erano la banda di “caporali”, pakistani, che da Portomaggiore fornivano braccia a basso prezzo alle aziende agricole delle nostre campagne ferraresi. I “caporali” sono stati arrestati, tre di loro sono padre, figlio e zio, rispettivamente Ahmad Iftikar, Zain Abidin e Rizwan Muhammad

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.