ferrara
cronaca

Ferrara, si schianta sul palo con la moto sportiva

Alberto Grande, 62 anni, è morto a tre ore dal ricovero all’ospedale Sant’Anna. Fatali le lesioni da forte impatto


10 maggio 2022 Stefano Balboni


FERRARA. Un impatto devastante a bordo di una potente moto contro un palo della luce. L’incidente è avvenuto nella tarda mattinata di ieri, quando erano da poco passate le 12.30 in Rampari di San Rocco. A perdere la vita un uomo di 62 anni, Alberto Grande, residente in città. L’uomo, Alberto Grande, 62 anni, si trovava a bordo di una moto Bmw S1000RR una moto di tipo ipersport.

Secondo quanto appreso da alcuni testimoni, in centauro stava percorrendo la strada proveniente da corso Porta Mare. Dopo avere effettuato il sorpasso di alcuni veicoli nel tratto posto a lato della zona universitaria, anziché affrontare il tratto curvilineo nei pressi dell’incrocio con via Fossato di Mortara, ha perso il controllo della moto andando a schiantarsi contro il palo della pubblica illuminazione che si trova al centro dell’isola spartitraffico. Immediati i soccorsi da parte dei sanitari del 118, giunti sul posto dalla vicina sede di corso Giovecca con l’automedica e un’ambulanza, mentre i rilievi del sinistro sono stati esperiti da parte di una pattuglia del reparto infortunistica stradale di Terre estensi. Considerato il forte impatto che ha generato numerose lesioni, il motociclista è stato trasportato in codice di massima gravità al pronto soccorso dell’ospedale di Cona.

Le condizioni del 62enne sono andate via via peggiorando con il trascorrere del tempo. I sanitari hanno tentato di fare di tutto per strappare alla morte l’uomo, ma purtroppo è deceduto a distanza di circa tre ore dall’incidente. Grande abitava in centro storico, era nato a Roma ma risulta residente in città da molti anni, anche se i famigliari non abitano a Ferrara. La moto con la quale si è schiantato ieri mattina è intestata al figlio. Da quanto si è potuto ricostruire, l’uomo svolgeva varie attività imprenditoriali. La Polizia locale sta cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente: sembra riscuotere poco credito l’ipotesi di un malore alla base della sbandata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.