ferrara
cronaca

San Carlo, malore fatale per il gestore del lavaggio

E' successo al 64enne Roberto Guerzoni nella sua attività sulla statale. Inizialmente si pensava che potesse essere stato folgorato. La figlia giunta sul posto colta da malore


16 maggio 2022


SAN CARLO. Una morte maturata compiendo un’operazione che aveva effettuato chissà quante altre volte. In un giorno di stacco dal lavoro, aveva deciso di fare un giro per un controllo e aveva aperto il quadro elettrico di gestione dell’impianto. Un’operazione purtroppo rivelatasi fatale per il 64enne Roberto Guerzoni, morto colto da malore e non folgorato come si era pensato inizialmente. Vani i tentativi di soccorso da parte del personale sanitario chiamato immediatamente sul posto: per il 64enne residente a Corporeno c’è stato nulla da fare.

La tragedia è avvenuta ieri attorno alle 18.30 nel lavaggio di proprietà di Guerzoni che si trova a San Carlo, sulla statale. Il 64enne gestisce da anni questo impianto, anche se attualmente aveva ancora la parte automatica, mentre quella per il lavaggio manuale era stata data in gestione ad altre persone. E sono proprio stati questi (ieri al lavoro) i primi ad accorgersi di quanto era accaduto. Guerzoni è stramazzato al suolo, i presenti hanno pensato per la scossa, ma c'era il dubbio perché non si era attivato il salvavita. E la conferma è giunta poi in tarda serata: Guerzoni è stato colto da un malore.

I SOCCORSI

Come detto, le persone presenti, fra dipendenti del lavaggio e clienti, hanno subito attivato i soccorsi. Sul posto sono arrivate un’ambulanza e l’elisoccorso dall’ospedale Maggiore di Bologna, che ha atterrato in uno spiazzo vicino alla rotatoria a fianco dell’impianto di autolavaggio, due pattuglie dei carabinieri del comando di Cento e anche i vigili del fuoco, qualora fosse necessario mettere in sicurezza l’area. La zona è stata delimitata, anche se ovviamente nel giro di pochi minuti si sono fermate diverse persone allarmate dalle sirene Fra quelle giunte sul posto anche il figlio e la figlia del 64enne, quest’ultima peraltro alla vista del padre ha accusato un lieve malore.

Il personale sanitario ha cercato a lungo di rianimare Guerzoni, ma c’è stato nulla da fare. Poco dopo è stata decretata la sua morte, fra le urla di dolore dei familiari.

Il 64enne pur abitando a Corporeno con la moglie Marta, era molto conosciuto a San Carlo e nei paesi vicini proprio perché gestiva da tantissimi anni l’attività di lavaggio delle automobili.

Ovviamente, proprio perché l’intervento è stato visto da numerose persone e in tarda serata anche sui social, la notizia della morte di Guerzoni si è sparsa molto in fretta e sono arrivati numerosi di messaggi di cordoglio dei tanti che lo conoscevano e lo stimavano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.