ferrara
cronaca

Ciclisti investiti sulle strisce, è allarme: troppi gli episodi nelle ultime ore a Ferrara

Più attenzione alla guida soprattutto in prossimità di incrocio e strisce ciclopedonali, sotto accusa la velocità. I punti neri


17 maggio 2022 Gian Pietro Zerbini


FERRARA. Tempi duri per i ciclisti. Nelle ultime 48 ore si sono verificati in città infatti tre incidenti stradali per fortuna non con esito mortale. La dinamica è molto simili ed è un copione che purtroppo si ripete un po’ troppo spesso a Ferrara.

L’ultimo episodio ieri mattina nella rotatoria tra via Pomposa e via Caldirolo, con una signora che percorreva l’attraversamento ciclopedonale in continuità di una ciclabile ed è stata investita da un’auto. Episodi analoghi erano capitati a poca distanza di tempo anche nella giornata di sabato mattina quando prima una signora nell’attraversamento di via Comacchio è stata sbalzata dalla bicicletta e successivamente ricoverata al Sant’Anna per lesioni di una certa gravità e poco dopo un uomo è stato investito da un’auto mentre in bicicletta stava effettuando l’attraverso pedonale in corso Porta Mare davanti al Parco Massari.

I MOTIVI

I motivi di questo aumento dell’incidentalità: auto contro bici sono molteplici a cominciare da una presenza molto alta di persona che usano la bicicletta come mezzo di trasporto, incrementando quindi la probabilità di sinistro stradale, ma è derivato anche da una mancanza di attenzione e di rispetto del codice della strada soprattutto in termini di rispetto dei limiti della velocità. Tra l’alto in alcuni punti oltre ai canonici 50 chilometri all’ora nei centri abitati sono stati estesi i limiti dei 30 chilometri orari, misura che alcuni vorrebbero estendere in tutto il centro urbano. Con il nuovo Pums, dovrebbero essere ulteriormente potenziati gli attraversamenti ciclopedonali per renderli ancora più in sicurezza, piano della mobilità sostenibile fortemente atteso. È ovvio che oltre agli automobilisti, anche i ciclisti dovrebbero prestare maggiore attenzione quando da una ciclabile si immettono in attraversamento ciclopedonale, è vero che hanno la precedenza ma si devono ricordare sempre di essere in strada i soggetti più deboli e a rischio e in caso di incedente sono quelli che ci rimettono maggiormente.

I PUNTI NERI

I punti neri degli incidenti stradali, in base alla frequenza dei sinistri vede ad esempio quelli in prossimità della rotatoria di San Giovanni, oltre alle strisce in Rampari di San Rocco. A rischio anche molti attraversamenti sulla via Bologna in particolare nel tratto che dal centro commerciale “Il Castello” va verso Chiesuol del Fosso. Anche viale Po e il primo tratto di Via Modena hanno fatto registrare in passato molti investimenti. Anche in via Caretti si rischia. Per tutti, autisti e ciclisti, si raccomanda prudenza e attenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.