ferrara
cronaca

Sportelli bancari ferraresi: -80. Calo di quasi il 40% in 5 anni

Da 209 a fine 2017 prima della scomparsa di Carife ora sono scesi a 129.  Le ultime sette filiali chiuse venerdì e molti paesi non hanno più la banca


22 maggio 2022


FERRARA. È il 2017 la vera annata spartiacque per gli sportelli bancari ferraresi. La scomparsa della Cassa di Risparmio di Ferrara ha portato ad una vera contrazione di agenzie e filiali in tutto il territorio ferrarese. Nel novembre del 2017, pochi giorni prima che Bper rilevasse definitivamente la Carife, gli sportelli in tutto il territorio della provincia di Ferrara erano 209. La banca anche nelle frazioni più piccole era uno dei servizi più richiesti, insieme alla posta, la farmacia ed erano pochissimi i centri che ne erano sprovvisti.

In questi ultimi anni, si è verificata invece, dopo il periodo espansionistico di Carife, una rapida accelerata nelle operazioni di chiusura degli sportelli. E con gli ultimi tagli - la chiusura venerdì pomeriggio da parte di Bper di sette tra filiali e agenzie - si è arrivati ora ad avere 129 sportelli bancari ferraresi ovvero 80 in meno rispetto a a nemmeno 5 anni fa, che equivale a un calo di quasi il 40% .

Il calo degli istituti di credito è stato invece nel Ferrarese del 25% passati da 28 a 21. Di questo passo - lo scorso anno gli sportelli erano 143, si arriverà ad un progressivo depauperamento di banche e sportelli sul territorio ferrarese. Bper ad esempio, dagli 87 sportelli che aveva al momento dell’acquisizione di Carife (14 suoi e 73 rilevati dalla banca fallita), ora ne ha 28.

La politica dei tagli

Inutile anche farsi illusioni su un’inversione di tendenza. Il significativo incremento avuto negli ultimi anni dall’home banking, porterà ad una ulteriore e graduale razionalizzazione. La vigilanza della Banca d’Italia si è inasprita di recente, anche per le note vicende dei crac bancari, e prima di aprire nuove filiali occorre il consenso della banca centrale. Non è più pensabili infatti aprire sportelli improduttivi.

Ma non è solo Bper ad aver fatto tagli in questa fase, anche Credem che ha rilevato gli sportelli di Caricento, che qualche anno fa con l'apertura di Comacchio erano 23, ora sono scesi a 18, compresi quelli che erano originariamente già di Credem. Ancora più significativa la riduzione del Monte dei Paschi Siena che in pochi anni è passato da 26 a 16 sportelli nel Ferrarese, con un taglio del 38,4%. Cali lieve anche per Unicredit e sostanziale tenuta per Intesa San Paolo e le sue “sorelle”. C’è fermento nelle banche di credito cooperativo e nelle piccole realtà rurali che contendono a suon di offerte i clienti ai colossi nazionali e internazionali. Anche se in questo caso i numeri in lievissima crescita non spostano un pesante bilancio di tagli dove sono i centri più piccoli a pagarne le conseguenze.

Paesi senza banca

Nel frattempo è aumentato a dismisura in pochi anni il numero dei paesi senza lo sportello bancario. Non sono mancate in questo periodo le proteste dei cittadini che hanno subito il taglio, la richiesta di interventi, le promesse spesso disattese dai fatti da parte della politica. Anche la recente mobilitazione con la discesa in campo di sindaci e comitati non ha sortito l’effetto sperato di scongiurare le chiusure. Gli ultimi casi di serrate hanno comunque ulteriormente evidenziato la richiesta di non abbandonare le frazioni al loro destino sul piano dei servizi bancari. I numeri però sono implacabili. Nel comune di Ferrara (frazioni comprese) gli sportelli sono passati da 79 nel 2017 agli attuali 46, a Cento da 22 a 18, a Comacchio da 17 a 10, ad Argenta da 14 a 9, solo per citare i centri più grandi, mentre il territorio comunale di Voghiera ora è rimasta senza banca.

L’incognita

La sfida futura che si giocherà nel Ferrarese sarà all’insegna dell’attivismo e della tecnologia, ben sapendo ormai che i clienti si vanno a cercare uno ad uno. Soprattutto dopo che il livello di credibilità del sistema bancario è precipitato con la vicenda Carife. Una fiducia che va riconquistata. Nella classifica dei comuni per numero di sportelli vediamo: Ferrara 46, Cento 18, Comacchio 10, Argenta 9, Bondeno 6, Codigoro 5, Portomaggiore 5, Terre del Reno 5, Copparo 4, Tresignana 4, Mesola 2, Poggio Renatico 3, Fiscaglia 2, Goro 2, Lagosanto 2, Vigarano Mainarda 2,Ostellato 1, Jolanda di Savoia 1, Masi Torello 1 Riva del Po 1 e Voghiera ora a quota 0.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.