ferrara
cronaca

Longastrino. Gli angeli dei vaccini salutano: «Un’esperienza indimenticabile»

Operatori e associazioni ricordano gli sforzi contro il Covid


26 maggio 2022


LONGASTRINO Un centinaio i volontari che si sono dati appuntamento l’altra sera al ristorante Valli Salse di Longastrino, a chiusura dell’esperienza prestata nei centri vaccinali di Argenta, Comacchio e Codigoro. Hanno partecipato la dirigente dell’Asl Marika Colombi, il sindaco di Argenta, Andrea Baldini, il presidente del Lions Club, Brunella Alebbi, il coordinatore dell’hub argentano Carolina Villani, il coordinatore del volontariato Alberto Vistoli, con volontari delle associazioni partner nel service. In rappresentanza di Codigoro il consigliere comunale Elia Mantovani, il presidente Lions Club Silvio Succi, il responsabile della Casa della Salute Cristiano Mainardi, il coordinatore del volontariato Luciano Avantaggiato. Le associazioni che hanno offerto supporto nell’hub sono state il Lions Club, il Comitato Medicina Palliativa, Pronto Amico e Rotary Club Comacchio Codigoro e Terre Pomposiane. Da Comacchio sono intervenuti l’assessore Emanuele Mari, il coordinatore del volontariato Alberto Pulga, il presidente del Lions Club Paolo Albanese, il coordinatore dell’hub Claudio Carli e le associazioni Lions Club, Al Batàl, Gruppo Scout Porto Garibaldi 1.

«La serata è stata rallegrata dalla performance dei volontari del Batal e dal clima cordiale e gioioso – commenta Pulga, ex direttore del Dipartimento di Chirurgia dell’ospedale di Valle Oppio – che si è immediatamente instaurato fra i tre gruppi Lions. Commovente l’intervento del socio reduce da un’infezione Covid, che lo aveva costretto a settimane di incoscienza in rianimazione e a mesi di degenza in istituti di riabilitazione». Pulga dall’inizio della campagna vaccinale ha prestato servizio volontario come medico vaccinatore e coordinatore: «Questi tre anni terribili per il Covid e ora per la guerra ci hanno provato duramente, ma hanno messo in evidenza la forza dei cittadini, di diversa estrazione politica e sociale che, unendosi con determinazione, hanno contribuito al rafforzamento della campagna vaccinale. Dobbiamo trarre un insegnamento e attuare i cambiamento necessarie ad evitare nuovi accadimenti disastrosi». l

Katia Romagnoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.