Ferrara

A passo di danza

Ferrara, la danza riparte dalle scuole e dai giardini

Nicolas Stochino
Ferrara, la danza riparte dalle scuole e dai giardini

Venerdì anteprima all’Abbado poi cinque spettacoli durante Interno Verde

01 settembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Torna a Ferrara il Festival di Danza Contemporanea, rassegna del Teatro Comunale che per il terzo anno consecutivo si aprirà con una prima parte tra i palazzi ed i giardini più belli della città in collaborazione con Interno Verde il prossimo weekend e proseguirà poi tra ottobre e novembre, a teatro, con i grandi nomi della danza internazionale. Venerdì la manifestazione sarà anticipata da un open day che, come annunciato dall’assessore alla cultura Marco Gulinelli, «ospiterà 12 scuole di danza di Ferrara e provincia, con centinaia di allievi che si avvicenderanno sul palco per quello che, di fatto, è diventato il momento inaugurale di Interno Verde Danza». Il festival entrerà poi nel vivo sabato e domenica «con 5 eventi in diversi orari – come segnalato da Marcello Corvini, direttore artistico del Teatro Comunale - per garantire al pubblico la partecipazione a più spettacoli». Nel weekend Palazzo dei Diamanti vedrà protagonista Marigia Maggipinto, interprete del Tanztheater di Pina Bausch, in scena con “Miss Lala al Circo Fernando/In a Room”, per la regia di Chiara Frigo. La Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto si esibirà nelle sale rinascimentali di Palazzo Schifanoia dove Edoardo Brovardi e Vittoria Franchina ricreeranno l’atmosfera della Factory di Andy Warhol con “Yes, Yes…” di Diego Tortelli. A questa si aggiungerà “Soac”, di e con Federica Galimberti e Cristiano Buzzi su musiche di Bach, Tommaso Ussardi e Giuseppe Franchellucci, che le eseguirà al violoncello. Il parco Pareschi proporrà invece “Speed” di Parini Secondo e Alberto Ricca/Bienoise. La sala della Musica ospiterà la prima assoluta di “Simbiosi”, performance coprodotta dal Comunale, con la coreografia di Roberto Tedesco. Infine il collettivo Dewey Dell animerà il Ridotto con “Deriva Traversa”, interpretato e coreografato da Teodora Castellucci.l

© RIPRODUZIONE RISERVATA