sport

In casa Spal il futuro può prendere forma, già in settimana un summit di mercato

Venerdì pomeriggio al Fabbri la conferenza ufficiale del direttore dell'area tecnica. Intervento alla caviglia riuscito, Viviani potrebbe saltare una parte del ritiro


18 maggio 2022


Ferrara Conosciamo tutti la storia, la tempistica e la genesi dell’ultima stagione spallina. La cui rosa era stata pressoché costruita nei primi giorni di agosto, con le ufficialità dei nuovi innesti arrivate dopo il sigillo ufficiale tra Colombarini e Tacopina, a cavallo fra l’impegno di Coppa Italia a Benevento e l’apertura del campionato a Pisa.

Clotet, per far rendere tutti precocemente, ha dovuto fare i miracoli. Remunerando il più possibile ma perdendo qualche punto qua e là (anche) a causa del ritardo che il passaggio di consegne societarie aveva generato. Ora calendari e orologi sono tutti dalla parte spallina. La seconda stagione sotto la guida dell’avvocato italoamericano è sostanzialmente già iniziata, quando formalmente parlando mancherebbe ancora un mese e mezzo al termine di quella in corso. Bene così, perché tutto questo potrà soltanto generare una sorta di guadagno dal punto di vista sportivo. C’è chi è andato in vacanza da pochissimo e chi ancor oggi deve disputare playoff e playout.

In casa Spal il futuro è già oggi. Perché tra una chiacchiera e l’altra, i biancazzurri si trovano con una nuova squadra tecnica di lavoro, oltre che con la continuità di Roberto Venturato che però ora attende la condivisione dei dettagli programmatici. Tradotti in nomi di calciatori, scelte e quindi mercato. Fabio Lupo si presenterà nelle nuove vesti di direttore dell’area tecnica estense nella giornata di venerdì (ore 15, nella sala stampa del “G.B. Fabbri”). Con ogni probabilità la seconda riunione del periodo con Venturato sarà già stata spuntata dall’agenda, dunque è presumibile che oltre alle intenzioni a lungo termine del nuovo incaricato (contratto almeno di due anni per Lupo), possano anche esser toccati temi tra singoli e reparti.

Con partenze, incognite, punti interrogativi e sogni per innalzare il valore della rosa. C’è il tema portieri (plurale, non a caso), unito a quello di capitan Vicari (rimarrà?) e sarà poi interessante capire l’idea della gestione del dualismo fra un Esposito che richiede più spazio e l’imprescindibile Vivani appena operato alla caviglia. A tal proposito ieri il centrocampista è tornato a casa sorridente dopo l’intervento eseguito dal professor Van Dijk e della dottoressa Favilli. Con ogni probabilità il 77 spallino salterà la prima parte del ritiro estivo, per una gestione personale che potrà avvicinarlo all’apertura del nuovo torneo in maniera scrupolosa con l’obiettivo di tornare a pieno regime il prima possibile ma senza prender rischi. Tra i tanti auguri di pronta guarigione arrivati da compagni di squadra e amici calciatori, anche quelli di Mattia Finotto. Diventato da poche ore papà dopo la nascita della primogenita Luna Sophie. l

Alessio Duatti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.