sport

Anche l’U21 della X Martiri adesso può esibire lo scudetto

Mister Dolcetti: «Andiamo avanti sulla strada intrapresa»


21 giugno 2022


Porotto Domenica pomeriggio a Prato, la X Martiri si è laureata campione d'Italia Under 21 di calcio a 5. L'impresa storica è stata firmata dalla formazione allenata da Cristian Dolcetti dopo la finale vinta per 6-3 contro i milanesi del Real Avm. Decisive la tripletta di Forti e le parate del portiere ferrarese Edoardo Montanari, che è stato poi eletto mvp dell’atto conclusivo.

Lo straordinario risultato colto dalla formazione porottese ha seguito di un giorno l’altra immensa performance della Spal Under 18, che battendo il Bologna 2-1 ad Ascoli (doppietta di Dell’Aquila) ha conquistato lo scudetto. È stata una due giorni pazzesca che ha posto Ferrara ed il suo movimento agonistico sotto i riflettori.

Tornando alla X Martiri, stagione quasi irreale. La prima squadra di calcio a undici promossa in Promozione, il gruppo under di calcetto primo in Italia. Sarà, questa, una settimana di celebrazioni. Intanto, tornando alla finale di domenica a Prato, vale la pena ricordare come è arrivata la vittoria: partenza sprint della X Martiri che dopo 1’32” si ritrova avanti grazie a Romanini. Il Real Avm risponde riversandosi nella metà campo avversaria: Cherobin sfiora (tre volte) il pari, Cammara e Matteo Gentile anche, ma Montanari fa buona guardia e il minimo vantaggio resiste.

Anzi, sono i ferraresi a raddoppiare al 14' quando, su un rilancio dalle retrovie, Forti sorprende Traficante per il 2-0. Tre minuti più tardi sublime giocata personale di Cammara, che va via sulla fascia sinistra e serve un cioccolatino a Tuliao, bravo a firmare il 2-1. L’8 biancorosso avrebbe anche l’occasione per il pareggio, ma il suo destro si stampa sul palo. Sulla traversa, invece, finisce il tiro violento di Dolcetti. Ad inizio ripresa altro break degli estensi: fa tutto Russo che si invola sull’out di destra, si accentra e scarica in porta il pallone del 3-1. Il 4-1 è figlio di un pasticcio della retroguardia milanese: capitan Gonzalez e la X Martiri ringraziano. Cammara non è d’accordo e inventa un eurogol per il momentaneo 4-2. Montanari salva su Tempera, sul versante opposto palo di Gonzalez; a 4’30” dalla fine Tempera si gira bene in area e batte Montanari: 4-3, il Real Avm torna in partita. Il finale di match è bellissimo: Gonzalez e Velasco sciupano il nuovo +2, Pizzo e Tulliao si trovano davanti un super Montanari. Il quinto di movimento del Real Avm non porta gli effetti sperati, anzi è Forti a chiuderla con le reti del 5-3 prima e del 6-3 poi.

Entusiasta l'allenatore ferrarese Cristian Dolcetti: «La partita è stata molto dura. Durante il match abbiamo accusato momenti di calo sul piano fisico, ma siamo stati bravi a capitalizzare al meglio le occasioni create, dimostrando maggiore cinismo dei nostri avversari. Questa è la più grande soddisfazione che io abbia avuto nello sport da quando gioco e alleno. La dedico alla mia famiglia, alla società e ai ragazzi». Il progetto della X Martiri è ambizioso e vincente: «In distinta avevamo quattro giocatori sotto età (un 2003 e tre 2004; ndr). Questo significa che la nostra vera forza è il gruppo. Sapevamo di avere le potenzialità per provarci, ci siamo riusciti. Adesso guardiamo avanti e continuiamo a lavorare sulla strada intrapresa».l

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.