sport

Spal, lavori sotto traccia. Si punta forte su Thiam

Fabio Maistro

Vicinissimi Varnier e Arena, resta l’obiettivo Ghiringhelli.  Duello con l’Ascoli per Maistro, poi c’è la pista Koutsoupias


23 giugno 2022 Alessio Duatti


FERRARA Lontani da chiacchiere e riflettori, i lavori per la costruzione della nuova Spal procedono quotidianamente. Su questo non ci piove, nonostante fin qui non sia arrivata nessuna ufficialità sul fronte arrivi.

Mentre i sostenitori biancazzurri stanno confermando il proprio incalcolabile amore nei confronti del club con il secondo positivo giorno di campagna abbonamenti (periodo dedicato alle prelazioni), il direttore tecnico Fabio Lupo – assieme ai suoi principali collaboratori dall’accento abruzzese – macina chilometri tra incontri, riunioni e telefonate d’aggiornamento su più scenari con procuratori, colleghi e addetti ai lavori. Al dunque, molto probabilmente, ci si arriverà a partire dalla prossima settimana o con ancora maggiore certezza nei giorni che precederanno il raduno.

Conferme e novità Intanto le (reali) voci di gradimento dalla Francia per Demba Thiam sembrano essersi smorzate. La sensazione è che l’estremo difensore senegalese possa avere quel ruolo fisso da titolare che Lupo stesso aveva “anticipato” al momento dell’insediamento in via Copparo. Alle sue spalle, la garanzia Alfonso e il nuovo multi ruolo di Pomini che a breve siglerà il rinnovo annuale del contratto in scadenza il 30 giugno.

La grande rivoluzione dell’estate coinvolgerà il reparto difensivo, visto che Capradossi non è stato riscattato dallo Spezia e considerato il certo addio a Vicari. Sull’ormai ex titolare della maglia numero 23 ci sono parecchie squadre, fra cui il Cagliari di mister Liverani. In entrata i primi due colpi saranno Marco Varnier (dall’Atalanta), che Venturato conosce e stima molto dai tempi del Cittadella (la speranza è che fisicamente ci siano le giuste garanzie dopo i gravi infortuni avuti alle ginocchia) e Matteo Arena: pugliese del 1999, le ultime tre annate molto bene al Monopoli. È chiaro che per alzare il livello della retroguardia servirà un “big”, nel mentre è tornato di moda il 2002 Christian Dalle Mura (di proprietà della Fiorentina) già cercato un anno fa da Zamuner. Fra i terzini dovrebbero rimanere sia Celia che Tripaldelli, con Dickmann che attende il suo nuovo partner a destra: Ghiringhelli della Ternana è sempre il nome più gettonato. Usciranno verso altri lidi sia Almici che Spaltro.

Zona nevralgica Anche a centrocampo si lavora per cambiare. Alla non conferma di Mora farà seguito la cessione di uno tra Esposito e Viviani. È il primo, ovviamente, ad avere la momentanea vetrina di mercato. Lupo ha recentemente confermato che il ragazzo è ambito qua e là (anche all’estero, pista da monitorare parecchio) ma non c’è alcuna trattativa in corso d’opera. In Italia le sirene dalla A sono sempre quelle di Sampdoria e Salernitana, ma occhio anche al Sassuolo.

Dalla porta degli ingressi, invece, il sogno Proia dipenderà esclusivamente da un eventuale importante sforzo della proprietà (gli ingaggi di Murgia e Di Francesco non aiutano e bisognerà trovare soluzioni). Lupo, intanto, sta duellando da ex con l’Ascoli per Fabio Maistro, fra l’altro cresciuto proprio nella Spal prima di sbocciare altrove: il giocatore di proprietà della Lazio nell’ultima stagione coi bianconeri – la cui rosa era stata proprio allestita dall’attuale dt estense – ha messo in mostra tante doti, ma il ritorno a casa sarebbe cosa gradita al ragazzo e alla famiglia polesana. Temperature alte anche sul nome di Ilias Koutsoupias che la Ternana non ha riscattato dalla Virtus Entella: la Spal c’è.

E la punta? Non possono certamente esser questi i giorni del grande sogno La Mantia. Intanto, si deve capire se Latte Lath potrà diventare a tutti gli effetti spallino (la concorrenza non manca). E mentre continua a tener banco il discorso di Colombo con il Milan (ma occhio alla Samp), l’ex Vagnati continua nel dialogo per il granata Nicola Rauti (bene nell’ultima annata a Pescara). l

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.