Video



Papa Francesco: "Leggi contro omosessualità ingiuste, non è un crimine"

Papa Francesco: "Leggi contro omosessualità ingiuste, non è un crimine"

Papa Francesco ha criticato le leggi che criminalizzano l'omosessualità come "ingiuste", dicendo che Dio ama tutti i suoi figli così come sono e ha invitato i vescovi cattolici che sostengono le leggi ad accogliere le persone LGBTQ nella chiesa. "Essere omosessuali non è un crimine", ha detto durante un'intervista con l'Associated Press. "Non è un crimine. 'Sì, ma è un peccato'. Va bene, ma prima distinguiamo tra peccato e crimine. È peccato anche mancare di carità gli uni verso gli altri”, ha aggiunto. Dichiarando tali leggi "ingiuste", Francesco ha detto che la Chiesa cattolica può e deve lavorare per porvi fine. "Deve fare questo. Deve fare questo", ha specificato. Francesco ha citato il Catechismo della Chiesa cattolica per dire che i gay devono essere accolti e rispettati, e non dovrebbero essere emarginati o discriminati. "Siamo tutti figli di Dio, e Dio ci ama così come siamo e per la forza che ciascuno di noi combatte per la propria dignità", ha detto Francesco parlando all'AP nell'albergo vaticano dove vive.

Altri video di cronaca

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 01954630495

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.